Progetta un sito come questo con WordPress.com
Crea il tuo sito

FUORI DALL’ORDINARIO DI FRANCESCO BERTELLI

Il protagonista è Aldo Nardi, giornalista e direttore di un giornale ‘Il Golfo’ che dirige e gestisce rimanendo fedele ai suoi principi: etica, morale e lotta alle ingiustizie. Aldo non è un uomo che si fa piegare facilmente, ama denunciare gli atti sporchi e i malaffari. Abita a Ponticello, ormai una cittadina anche se per gli abitanti rimarrà sempre un paese, che l’autore descrive molto bene, tanto che il lettore ha la sensazione di conoscerlo e di esserci stato davvero. La vita scorre tranquilla finché si verificano degli omicidi e addirittura scompare un bambino. Le forze dell’ordine si mettono in moto e anche Aldo racconta la vicenda. A differenza dei colleghi di altre testate giornalistiche però non si tira indietro e fa supposizioni neanche troppo velate. Non sa chi è l’autore degli omicidi, non sa neanche se la scomparsa del bimbo è collegata ma vuole smuovere le acque quindi lancia frecciatine. Nessun sasso lanciato nel lago non provoca movimento pertanto il trafiletto scritto dal grande Nardi causerà scompiglio e agitazione “ai piani alti”.

Il libro più che sulle indagini si concentra sull’ambiente corrotto popolato da giornalisti, avvocati e uomini di malaffare. Dipinge bene certe dinamiche fatte di giochi di potere e favoritismi che ben poco hanno a che fare con la moralità e la correttezza.

Di questo libro mi è piaciuto tutto: lo stile di scrittura, fluido e frizzante, a volte ironico e simpatico, altre più serio ma mai pesante e la trama che è tanto originale quanto verosimile.

È un libro breve, 102 pagine, si potrebbe leggere in un giorno solo se si ha tempo. Il ritmo è incalzante e il protagonista è sublime, mi è piaciuto un sacco: i suoi gesti, le sue parole, il tono di voce che riuscivo a immaginare nella testa in modo limpido concorrono alla costruzione di un personaggio per il quale non si può non provare simpatia. Un uomo di buon cuore, con grande coraggio. Un uomo leale e dolce, innamorato di sua moglie che resta sempre nei suoi pensieri.

Nel libro compare anche un’altra figura singolare. L’ho interpretata come la coscienza di Nardi, colui che instilla il dubbio, che lo porta a scavare nel profondo dei suoi pensieri in un momento difficile nel quale ogni azione ha un peso enorme. 

Quando scriviamo anche senza volerlo siamo influenzati da ciò che ci circonda e da cosa leggiamo, lo stile, i temi, i generi letterari che prediligiamo volente o nolente si ripercuotono su quello che è il nostro modo di scrivere e di raccontare storie. Io non so se sono stata a mia volta influenzata dal sapere che l’autore di questo libro è un amante di Stephen King ma ho trovato alcune analogie, sempre con le dovute proporzioni eh, caro Francesco non prenderla a male ma di “King” ce n’è uno solo. La descrizione dei luoghi, precisa e diretta, la caratterizzazione dei personaggi oculata e necessaria al fine di renderli reali, con un’anima, una vita vera, la trama accattivante con un messaggio profondo di denuncia sociale raccontato con uno stile leggero e ironico ma che non manca di stendere un velo di consapevolezza e riflessione sul lettore.

Pubblicità

Pubblicato da giulianuvolelibri

Ciao!! Mi chiamo Giulia, ho 27 anni e sono una studentessa all’ultimo anno di Scienze della Formazione Primaria. Amo insegnare e occuparmi dell’educazione e la formazione dei bambini. La mia missione principale è far appassionare alla lettura grandi e piccini! Adoro leggere, i libri aprono innumerevoli porte, fanno sognare ad occhi aperti. Ho aperto la mia pagina Instagram giulia_nuvolelibri il 24 febbraio 2019 per condividere la mia passione! Grazie a Instagram ho scoperto un mondo fantastico, persone appassionate come me che da una passione hanno costruito qualcosa di più professionale. Sono rimasta letteralmente affascinata da alcuni profili, dalla loro competenza e serietà, con un pizzico di divertimento e ironia che non guasta mai, e ho deciso quindi di dare un’impronta più professionale alla mia passione. Scrivere le recensioni sotto ad un post su Instagram è diventato riduttivo, sentivo di non riuscire a esprimermi a pieno quindi ho deciso di aprire questo blog. Sarà collegato alla mia pagina Instagram e conterrà recensioni e pensieri sui libri che leggo in modo più approfondito e completo rispetto alla didascalia sotto al post di Instagram. Spero che i contenuti saranno di vostro gradimento! BENVENUTI

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: